La Bestia

La Bestia

“Signori e signore! Bambini e bambine! E’ arrivata LA BESTIA! La Bestia, Signori, L’animale, Il Mostro! Per la prima volta in città! Un’invasione di ferocia, violenza, malvagità! 100% Bestia nera! Della peggior razza! Fatevi sotto coraggiosi e coraggiose! Quello che abbiamo qui è una belva in piena regola! La volete vedere questa Bestia??? La volete vedere??? Siete pronti a indignarvi dalla paura?? E allora Signori e signore, bambini e bambine… ecco a voi… LA BESTIA!

Dall’Africa misteriosa! Pericolosa, infida, predatrice! Sconcertante! Inammissibile! Fa ribrezzo! C’è da non crederci! Ma noi ci crediamo, Signore e Signori, e ve la mostriamo!

La Bestia, Signore e Signori, la Bestia! Ma chi è questa Bestia? Ma questa Bestia, cosa vuole? Ma perché non lasciarla là… insomma… nella giungla, dico io! In mezzo alle altre bestie. A quelli come lui. Ai suoi simili. E invece no, Signori e Signore, noi ve l’abbiamo portata qui e voi adesso la guardate! Attenzione però, ché la Bestia morde, ma che dico morde, la Bestia sbrana! Divora! Assaggiate la paura d’essere in preda alla Bestia!

La Bestia, Signori e Signore! The Beast! Sembra un uomo ma non è! Parla un linguaggio minaccioso e incomprensibile, mangia con le mani, non si lava, non si capisce a cosa pensa! In due parole: fa paura! “

Un piccolo circo felliniano gira le piazze offrendo come spettacolo un varietà di esibizioni circensi che hanno come elemento comune la presenza della “bestia”. Di che bestia stiamo parlando? Dipende. Ora è uno scimmione, ora un leone, alle volte è persino un camaleonte o un minotauro. E alle volte non si sa.

Interpreti di questo florilegio di bestialità, reale o apparente, due artisti: Clio, pelle bianca, Solomon, pelle nera. Chi dei due sia veramente la bestia non è sempre chiaro. Si potrebbe addirittura arrivare a insinuare che la bestia sia il pubblico! E questo è oltraggioso! Ma questi qua ci sono o ci fanno?

Forse solo sbirciando nei camerini, tra un cambio e l’altro, si riuscirà a svelare la verità. Una verità fatta di colori che si mescolano, di mani che s’intrecciano, di fiducia e di rispetto.

Spettacolo di Nouveau Cirque

Regia: Giovanni Dispenza

Interpreti: Clio Abbate (Italia), Solomon Balcha Yani (Etiopia)

Testi: Nicola Bonazzi

Voce (italiano): Caterina Bartoletti

Voce (inglese): Irene Montanari

Costumi: Irene Montanari

Maschere: Herry Galuppi

Locandina: Silla Guerrini

Video: Manuele Rossi

Foto: Marco Manuel

Produzione e distribuzione:  Rimini Circo

Durata versione strada: 30′  (doppia versione: con o senza acrobatica aerea)

Durata versione teatro/tenda: 45′

Spazio scenico: 6×6, suolo piano

Discipline circensi: acro–balance, rete aerea, giocoleria, tessuti aerei, cigar box, cube, danza acrobatica.

MARK5449

Lo spettacolo sarà disponibile da giugno 2018, in tutta Europa.

Alla tournée sarà accostata una raccolta fondi per finanziare il progetto ExperimentArt Circus (ExART Circus), progetto per la formazione ed educazione di giovani artisti ai temi della multicultura e della pace (https://riminicirco.com/ex-art-circus/), nella speranza di ospitare numerosi ragazzi nell’estate 2019.

Il progetto ha infatti subìto una volontaria deviazione lo scorso anno, quando abbiamo deciso di dare priorità e dedicare quindi ogni risorsa, al sostegno della scuola di circo sociale Fekat Circus (Etiopia), trovatasi in improvvisa difficoltà. Tutto riparte ora da “La Bestia”.

Assieme allo spettacolo sarà possibile anche organizzare ed ospitare una o più giornate di formazione tecnica (acrobatica aerea, ricerca espressiva, acrobatica a terra) ed incontri di approfondimento sui temi del circo sociale, con testimonianze-incontro e/o workshop di espressione.

MARK5465

info distribuzione: danidifro@gmail.com  +39 2757768 (Daniele)

MARK5887