Ex.ART Circus

Una rete globale di storie, culture, lingue, capacità e sogni, per coinvolgere e stupire.

Questo è il progetto ExArt Circus, che abbraccia idealmente tutto il mondo, nella speranza e volontà di creare occasioni di unione, intersezione e scambio culturale ed artistico fra scuole di circo sociale di diversi paesi, ospitandole in Italia  per un periodo formativo, durante il quale costruire insieme uno spettacolo che aiuti i ragazzi a crescere nell’amicizia e nella pace, coinvolgendo il pubblico in quest’avventura.

A far parte del progetto sono invitate anche alcune scuole di circo e teatro italiane, con la speranza di educare i ragazzi all’arte non solo come mezzo di espressione, ma anche come strumento pedagogico ed educativo.

Questo avviene incontrando i ragazzi che vengono dalle scuole di circo sociale, dove l’arte diventa una forma di riscatto, speranza, lotta nonviolenta contro emarginazione, sfruttamento, illegalità, povertà, ingiustizia.

I valori del progetto

Attraverso l’arte circense e l’utilizzo del corpo, il linguaggio diventa immediatamente universale e comprensibile. La disciplina viene utilizzata non solo in qualità di sviluppo di capacità che escono dall’ordinario, ma anche come mezzo attraverso il quale è possibile comunicare a prescindere dalle proprie origini.

 

 

Edizione 2016

Il progetto ha ospitato un gruppo di ragazzi del Fekat Circus, scuola di circo sociale di Addis Abeba, Etiopia.

I ragazzi hanno incontrato tre allievi della scuola di teatro “Alessandra Galante Garrone” di Bologna, ed un’allieva della neo-nata Scuola Circo Redivita, di Rimini, per uno scambio culturale ed artistico.

I ragazzi hanno vissuto insieme per due settimane, imparando a conoscersi ed a trasformare le diversità in ricchezza. A guidarli ed aiutarli nell’esperienza sono stati il regista Giovanni Dispenza, e l’attrice e acrobata Clio Abbate.

Grazie al lavoro di tutti, in così breve tempo, è nato lo spettacolo “i come in peace”, presentato in anteprima al Creativity Summer Festival di Rimini e poi al Lonato in Festival, a Lonato sul Garda.

La presenza del gruppo del Fekat Circus è stata occasione di relazione anche con altri festival, in diverse regioni d’Italia. Un ragazzo ha avuto l’opportunità, durante questo periodo, di studiare come tecnico audio-video, anche in una compagnia importante come quella del Magda Clan Circus.

Edizione 2017

Abbiamo deciso di consolidare l’amicizia con la scuola di Addis Abeba, riconoscendo grande valore alla loro azione in Etiopia, ma anche la bellissima testimonianza che i ragazzi hanno portato in Italia l’anno scorso.  La scuola si trovava, all’improvviso, in grande difficoltà,  rischiando di rimanere senza sede, e quindi senza futuro, né per sé, né per i giovani che la abitano e vi studiano.

Nasce così lo spettacolo “Be-On”, che consente a quattro ragazzi di venire in Italia e dar vita ad uno show, con 105 repliche in tutta Europa. Lo spettacolo prende forma, senza rinunciare a dare stimoli nuovi ai giovani etiopi, grazie al costante impegno di Clio Abbate, che mostra loro come inserire la propria complicata storia in uno spettacolo comunque carico dell’energia tipica della scuola africana.

La tournée ci ha concesso di rafforzare i rapporti con l’ambasciata, aprendo ulteriori porte ai ragazzi del Fekat Circus.

Programma 2018-2019

Dopo il grande impegno (e successo) della scorsa stagione, ogni singolo euro è stato girato in Etiopia per la raccolta fondi “Life The Circus” a sostegno del Fekat Circus.

Ripartiamo ora da un nuovo show: “La Bestia”, che sarà interpretato da due insegnanti delle due scuole: Clio Abbate e Solomon Balcha Yani, già artisti professionisti.

Lo show sarà disponibile da giugno a settembre 2018, contribuirà alla crescita di entrambe le scuole attraverso il confronto, e soprattutto ci permetterà di dar forma ad una nuova raccolti fondi, destinata alla riproposizione del progetto ExArt Circus come nell’estate 2016: ospitando tanti giovani, coinvolgendo sempre più scuole da tutto il mondo per l’estate 2019.

29133797832_ea6e072184_o